ARCHITETTI

CONCORSO DI IDEE “ARCHITETTURA SOSPESA”

  • test :

leggi bando

I LAVORI DELLA GIURIA SONO TERMINATI. A BREVE SARA’ PUBBLICATO L’ESITO DEL CONCOSO

L’ISCRIZIONE AL CONCORSO E’ STATA PROROGATA ALLE ORE 12 DEL GIORNO 26 FEBBRAIO 2021- INVIO DEI PROGETTI ENTRO IL GIORNO 28 FEBBRAIO 2021

FAQ

1 – Per superficie complessiva, pari a 25 mq, si intende la somma delle superfici vivibili (quindi al netto dell’eventuale tronco o scale/rampe etc.)? 2 – Nell’ipotesi di struttura su più piani, i 25 mq si intendono come somma dei vari piani o come proiezione in pianta della sagoma esterna della struttura?
La struttura non dovrà avere una superficie complessiva maggiore di mq 25, e potrà essere composta da spazi sia chiusi che aperti. Si intende superficie complessiva la superficie utile coperta, al netto del tronco dell’albero.
Nell’ipotesi di più piani i 25 mq si intendono come somma della superficie coperta dei vari piani.

2 – Nel bando si parla di “servizi igienici autosufficienti”; cosa si intende? Devono essere collegati ad un sistema fognario (fossa Imhoff ecc.) e quindi prevedere obbligatoriamente delle tubazioni di scarico, o si può pensare anche ad un sistema di accumulo e svuotamento periodico dei liquami come avviene ad esempio in una barca a vela? 2- Va prevista l’integrazione all’interno della struttura di un serbatoio di acqua per uso domestico? E’ possibile prevederlo nelle immediate vicinanze, indipendente dalla struttura della casa? 3- Per l’approvvigionamento energetico è possibile collocare dei pannelli fotovoltaici nelle vicinanze, sopra i rami degli alberi o a terra in luogo non ombreggiato?
Per servizi autosufficienti si intendono quelli con sistema di accumulo e svuotamento periodico. Per gli altri servizi si lascia libera scelta ai concorrenti, e come specificato nel bando gli impianti previsti dovranno essere riconducibili ai criteri della sostenibilità.

3 – Il progetto deve essere contestualizzato in un particolare luogo, e dunque su di uno specifico esemplare, oppure se è un concorso del tipo “everywhere”, con la possibilità di immaginare la costruzione in un albero di fantasia.
La casa sull’albero dovrà essere progettata completamente sospesa da terra ed ancorata liberamente al tronco dell’albero e/o utilizzando piante epifite, lianacee e rampicanti in genere. Ogni partecipante preciserà il contesto paesaggistico nel quale si inserirà la proposta progettuale, specificandone le specie arboree.

4 – L’albero deve essere esistente, fotografato, identificato o può essere un albero di fantasia non esistente, oppure esistente ma di cui non sono note le precedenti informazioni?2. Si possono prendere in esame più esemplari contermini (cfr. Gruppo di più alberi) o deve essere un unico esemplare? Esistente o di fantasia? 3. Dato viene chiesto che possa essere un ambiente aperto oppure parzialmente tale, oppure chiuso si chiede se i 25 mq. siano riferiti al solo calpestabile oppure alla totalità delle superficie opache complessive. 4. Considerato che il sistema di collegamento sia l’unico che possa avere contatto con terreno, cosa vieta l’utilizzo di un sistema che di per sé non é strutturato appositamente per sostegno, ma che lo possa essere per logica conseguenza dato i due sistemi, distributivo e funzionale, devono obbligatoriamente essere collegati fisicamente e per quanto minimo possa essere il loro contatto. 5. Dato il requisito di servizi Igienici autosufficienti, premesso che sia chiarito se la definizione al “plurale” intenda più di un servizio oppure di un singolo servizio, come si può configurare una “non contaminazione” dell’oggetto casa, nella totalità, con il terreno se i reflui devono confluire a terra? È quindi ammissibile un sistema di raccolta degli stessi con postumo smaltimento? Si può considerare cioè una deroga alle comuni norme igienico sanitarie?
1. Nel bando è specificato che la casa dovrà essere ancorata liberamente al tronco dell’albero e/o utilizzando piante epifite, lianacee e rampicanti in genere, non necessariamente esistente.
2. La casa dovrà essere ancorata liberamente al tronco dell’albero.
3. La struttura non dovrà avere una superficie complessiva maggiore di mq 25, e potrà essere composta da spazi sia chiusi che aperti. Si intende superficie complessiva la superficie utile coperta.
4. Non si capisce la domanda.
5. Il bando parla di servizi autosufficienti, cioè quelli con sistema di accumulo e svuotamento periodico.

5 – Cosa si intende per superficie complessiva non maggiore di 25 mq ? i.e. si conteggia solo la superficie chiusa o anche l’eventuale superficie scoperta adibita ad esempio a terrazza (e se il tetto è ad esempio calpestabile, questo si deve considerare nella misurazione)? 2- è obbligatorio munire il fabbricato di una cucina? 3- si dovrà studiare anche a fondo il tema impiantistico o basterà definire dove saranno alloggiati i vari impianti? 4- anche l’accesso all’edificio sospeso dovrà essere studiato ed inserito in tutte le rappresentazioni dell’elaborato grafico? i.e. scala, ponte per raggiungere l’architettura sospesa (e in questo caso, l’intervento può riguardare anche altri alberi o dovrà interessare solo e unicamente un albero?)
1.La struttura non dovrà avere una superficie complessiva maggiore di mq 25, e potrà essere composta da spazi sia chiusi che aperti. Si intende superficie complessiva la superficie utile coperta, al netto del tronco dell’albero.
2. Si lascia libera scelta ai concorrenti in merito alla distribuzione interna.
3. Si lascia libera scelta ai concorrenti.
4. Si lascia libera scelta ai concorrenti.

6 – Per i materiali impiegati nel progetto è possibile dare evidenza del nominativo dell’ azienda produttrice,o limitarsi ad una descrizione delle specifiche caratteristiche.
Non è consentito inserire il nominativo dell’azienda produttrice

7 – La casa deve essere ancorata ad un solo albero o se può essere ancorata a più alberi contigui.
è libera scelta del concorrente

8 – 1) Riguardo alla richiesta del bando di “soddisfare le esigenze del vivere quotidiano”, dobbiamo dotare la casa sull’albero di impianto elettrico? Sarebbe possibile ipotizzare la presenza di una linea esterna al quale potersi collegare? 2) Cosa si intende per “servizi igienici autosufficienti” È possibile prevedere un impianto di riscaldamento a biomasse ed un piano cottura; 4) Quale font, dimensione e interlinea devono avere le scritte sulla tavola A2
1-Gli impianti da realizzare sono a libera scelta del concorrente; 2-Per servizi autosufficienti si intendono quelli con sistema di accumulo e svuotamento periodico; 3-Gli impianti da realizzare sono a libera scelta del concorrente; 4-La tavola dovrà essere contrassegnata dal codice alfanumerico assegnato al momento dell’iscrizione, che dovrà essere posto in alto a destra ed usando il font arial 20, per il resto è a discrezione del concorrente.

9 – Nell’oggetto del tema è riportato “I materiali utilizzati e gli impianti previsti dovranno essere riconducibili ai criteri della sostenibilità…” Per impianti si intendono elettrico, idro-sanitario e di riscaldamento/climatizzazione?
si

10 – La struttura della casa sospesa deve reggersi su un unico albero oppure può ancorarsi anche a più alberi che non siano le piante epifite, lianacee e rampicanti da Voi menzionate?
E’ a discrezione del concorrente

11 – Possono partecipare al concorso gruppi dove non tutti i membri sono architetti e ingegneri regolarmente iscritti agli Ordini Professionali dell’intero territorio italiano e della Repubblica di San Marino, in regola con il versamento della quota annuale e con la formazione obbligatoria? Nello specifico il gruppo dove un membro risulta attualmente residente non in Italia e quindi non è iscritto a nessun ordine ma il capogruppo o un membro è in regola con i requisiti richiesti lo stesso gruppo può essere ammesso?
E’ possibile partecipare al concorso anche se uno o più concorrenti non sono iscritti ad un Albo. L’importante è che il capogruppo sia iscritto e in regola con il versamento della quota annuale e con la formazione obbligatoria

12 – 1) Il font indicato nel bando e nelle FAQ è ARIAL non ARIEL 2)Per “commenti scritti” all’interno della tavola vanno intesi qualsiasi testo che riteniamo di riportare sulla tavola grafica, quindi non solo le didascalie ma anche l’eventuale testo sintetico descrittivo del progetto, mancando una specifica relazione 3) Continua a non essere chiara la definizione di superficie complessiva fornita, nonostante i chiarimenti forniti nelle FAQ. Suggerisco di adottare la definizione canonica di Superficie complessiva in uso nella professione per la verifica dei parametri urbanistici ed il calcolo del contributo di costruzione: Sc = Su + 60% Snr, precisando inoltre che dal calcolo va esclusa la superficie di proiezione a terra della casa sospesa qualora lo spazio sottostante relativo resti aperto, altrimenti la dimensione della casa si dimezzerebbe. O diversamente va precisato meglio.
1) esatto 2)Per qualsiasi “commento scritto” si può intende anche un testo sintetico descrittivo. 3)Si intendono per 25 mq i mq complessivi dell’edificio, muri esterni compresi. E’ esclusa la superficie di proiezione a terra della casa sospesa, qualora lo spazio sottostante sia aperto.

13 – 1) Nel testo del Bando, a pag. 6, leggo:”Si richiedono 1 elaborato grafico del formato A2 orizzontale, da inviare in formato pdf, della dimensione di 5 MB che contengano immagini relative a pianta, sezioni, prospetti dell’oggetto del concorso. (…) 2) Chiedo conferma inoltre che la dimensione di 5 MB del file pdf della tavola (unica) da inviare è da ritenersi come MASSIMA e non obbligatoriamente quella.
1)L’elaborato da trasmettere è unico ed è la tavola grafica A2. ci scusiamo per il refuso 2) La dimensione di 5 MB è la massima consentita.